Lampeggiatore Portatile

 

INTRODUZIONE

Progetto di un lampeggiatore portatile a pile utile per tutte le situazioni di pericolo, Con questo lampeggiatore si possono risolvere molti problemi stradali, sportivi e di lavoro. Per esempio, il conducente di autoveicoli o motocicli può accoppiarla al ben noto ed obbligatorio « triangolo », che di notte o in condizioni climatiche nebbiose è poco funzionale ed insufficiente a creare il necessario effetto allarmistico.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Come ogni altro tipo analogo di dispositivo professionale, anche il nostro emette lampeggi di elevata intensità luminosa e durata regolabile per mezzo di un potenziometro. E ciò significa poter disporre di una lampada che, volendo. può erogare una luce continua, ma il cui compito è. quello di generare dei lampi a frequenza variabile, assicurando, in pari tempo, una lunga autonomia di esercizio delle pile di alimentazione. Si tratta dunque di un apparato funzionale ad economico, che vale la pena di realizzare, anche perché i componenti necessari per la costruzione sono veramente pochi e possono essere allogati in una comune torcia elettrica. Ma è ovvio che coloro che vorranno servirsi del lampeggiatore per tempi prolungati, dovranno comporre un alimentatore a 6 V, collegando in serie tra di loro quattro pile, denominate « torcione », da 1,5 V ciascuna e ricordando che, all'occorrenza, ci si potrà servire pure di una piccola batteria per moto da 6 V.
Più avanti, nel corso dell'articolo, insegneremo in che modo sia possibile trasformare il lampeggiatore a comando in un apparato a funzionamento automatico, come se fosse dotato di un interruttore crepuscolare, che ne provoca l'avviamento al calar della sera e lo spegne alle prime luci del giorno. Ed insegneremo pure come variare la frequenza degli impulsi o la durata degli stessi, indipendentemente dalla regolazione manuale, intervenendo sui valori originali di alcuni componenti.
Naturalmente, poiché il corretto funzionamento del lampeggiatore dipende in gran parte dal coefficiente di amplificazione del primo transistor montate nel circuito, potrà capitare di dover sostituire questo elemento con modelli analoghi soltanto apparentemente, ma con caratteristiche elettriche leggermente diverse.