MODULAZIONE QPSK


 

Dai primordi dell'elettronica, quando i primi avanzamenti nella tecnologia stavano avvenendo, i confini delle comunicazioni   locali e globali cominciavano ad erodersi e il mondo risultava essere più piccolo e più facilmente accessibile per la condivisione delle informazioni e delle conoscenze. Il lavoro pionieristico fatto da Bell e da Marconi ha dato origine all'era delle informazioni che esiste oggi ed ha aperto la strada per il futuro delle telecomunicazioni.
Tradizionalmente le comunicazioni locali sono fatte mediante l'utilizzo di cavi, poiché questi hanno presentato un modo economico e affidabile per il trasferimento delle informazioni. Per le comunicazioni a lunghe distanze e' stato necessario utilizzare le onde radio. Sebbene sono state convenienti dal punto di vista dell' hardware, le onde radio ha messo in evidenza i problemi circa la corruzione dei segnali informativi e spesso sono stati utilizzati sistemi di trasmissione ad alta potenza per superare le condizioni atmosferiche, le grandi costruzioni e le  interferenze provenienti da oltre sorgenti di radio frequenza.
Le diverse tecniche di modulazione hanno offerto differenti soluzioni in termini di costo - efficienza e di qualità dei segnali ricevuti ma sono state largamente di tipo analogico. 
La modulazione  in frequenza e la modulazione di fase presentano una certa immunità al rumore mentre la modulazione in ampiezza e' più facile da demodulare. Comunque, più recentemente con l'avvento di microcontrollori a basso costo e l'introduzione di telefoni mobili e dei satelliti per le comunicazioni la modulazione digitale ha guadagnato popolarità. Con le tecniche di modulazione digitale arrivano tutti i vantaggi che i tradizionali circuiti a microprocessore hanno sulla loro controparte analogica. Qualunque deficit nel collegamento può essere risolto mediante l'uso di software. Le informazioni possono essere ora criptate, la correzione degli errori assicura più confidenza sui dati ricevuti, e l'uso di DSP può ridurre la limitata larghezza di banda allocata per  servizio.
Come per un tradizionale sistema analogico, la modulazione digitale può usare usare l'ampiezza, la frequenza, o la fase con differenti vantaggi. Poiché le tecniche di modulazione in frequenza e di fase offrono maggiore immunità al rumore, queste sono preferiti per la maggior parte dei sistemi di modulazione in uso oggi e saranno discussi in dettaglio di seguito.