RETI LOCALI E CABLAGGIO STRUTTURATO

 

INTRODUZIONE

L'esigenza di poter comunicare in modo sempre più rapido ed affidabile, attribuisce al settore delle comunicazioni un ruolo primario nel panorama socio-economico. Il continuo e repentino perfezionarsi della tecnologia dell'informazione e la nascita di piattaforme multimediali nonché applicazioni e-Business sono solo alcuni degli indicatori più rappresentativi di questo fenomeno. La necessità di poter condividere dati, informazioni, risorse è alla base di attività professionali che prevedono un radicale cambiamento del concetto stesso di lavoro. Disporre di un efficiente sistema di comunicazione è perciò una risorsa di primaria importanza, sia come ottimizzazione del lavoro sia come valorizzazione dell'immobile stesso. In questo panorama, la rete di comunicazione è il mezzo utilizzato per "collegare" utenti a risorse e servizi centralizzati, resi tali per contenere i costi e per agevolare lo scambio di dati.

In passato con il termine di sistema di comunicazione ci si riferiva unicamente alle reti telefoniche. Oggi questa classificazione non è più veritiera dato che alla fonia si è aggiunta una sempre più massiccia trasmissione di dati. Le caratteristiche di veicolazione dei dati (velocità, affidabilità, sicurezza, ecc.), sostanzialmente differenti dalla pura telefonia, prevedono reti ad alte prestazioni realizzate con riferimento agli standard esistenti.
Gli aspetti peculiari di queste reti possono essere riassunti nei seguenti punti:

– fornire una soluzione versatile e riconfigurabile, in funzione degli ambienti.

– fornire un cablaggio che possa rispondere ad esigenze attuali e future.

Questo cablaggio, nel limite del possibile, deve essere valutato già in fase di costruzione dello stabile, e per importanza deve essere paragonato all'impianto elettrico, idraulico, tecnologico, ecc. In altre parole un cablaggio di questo tipo, nato con la struttura stessa dell'edificio e caratterizzato da una ben precisa architettura è definito CABLAGGIO STRUTTURATO.

1) Velocità: trasmissione dei dati calcolata in numero di bit per secondo (bit/s).
2) Banda: capacità di convogliare, con un unico mezzo, diversi segnali allo stesso tempo (Hz).